Pensioni: la previsione a 75 anni per i giovani è irragionevole

foto segretario_02intervista al segretario nazionale Massimo Persia

Riportiamo alcuni passi dell’intervista al segretario nazionale Massimo Persia: “Esiste la necessità urgente di riformare la Legge Fornero. Infatti, due norme della Legge legano l’uscita dal lavoro al reddito: meno guadagni, meno contributi versi e più a lungo resti. I nati nel 1980 possono arrivare a 76 anni e 4 mesi. Come Movimento Futuro italia diciamo che ciò è inaccettabile, proporre  la previsione di pensione a 75 anni è irragionevole e rischia di passare come un messaggio pericoloso di sfiducia ai giovani. Occorre assicurare la staffetta generazionale altrimenti come già detto in altre sedi, questo Paese rischia di esplodere socialmente. Assicurarla significa creare seri e duraturi posti di lavoro e non quelli che assicura Renzi nel suo mondo virtuale. La realtà che raccontano le persone che incontro quotidianamente è un’altra. Ci sono giovani che sono avviati al lavoro per pochi mesi dal Programma Garanzia Giovani che oltre a non esser pagati, non hanno una prospettiva di trasformazione duratura del lavoro acquisito”